Pane di semola

Pane di semola
Spread the love

Osservo le mie mani , e devo dare ragione a chi sostiene che attraverso di esse si può capire molto di una persona . Le osservo con attenzione , segnate , tagliuzzate , alcune bruciature , e da lì si capisce subito la mia sbadataggine . Sono mani poco curate , in effetti non sono un appassionata di creme , anzi non le amo proprio , potete suggerirmi tutte le marche di questo mondo  che si assorbono in un nano secondo , ma io sentirò comunque un alone fastidioso . Sono un caso patologico lo so.

Le osservo e noto quanto sono state segnate dal freddo , e per questo è sempre colpa mia , ho un ripudio per i guanti se per sbadataggine li sto indossando  divento un incapace che non riesce a tenere nulla tra le mani .
E infine noto che con il tempo assomigliano sempre di più a quelle di mia madre , le ho sempre osservate con ammirazione , erano quelle mani così dolci che mia accarezzavano e mi confortavano , erano quelle mani che mi punivano quando combinavo qualcosa ed erano quelle mani che impastavano , mescolavano e portavano in tavola piatti stupendi.
E con queste mani nei momenti più bui mi dedico a  impastare  , la mia terapia d’urto contro la tristezza . Adoro impastare il pane , osservarlo mentre lievita e infornarlo incrociando le mie dita storte sperando che diventi una bella pagnotta dorata e croccante fuori e morbida dentro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *